Recensione: “Frozen in love” di Silvia Civano

Buongiorno amici del blog, oggi vi presento la mia prima recensione: “Frozen in love” di Silvia Civano.

Questa è la storia di Jasmine, giovane appassionata e di talento che conosce l’amore in svariate forme: il padre, l’amica, il fidanzato, il pattinaggio. 
Spicca nel romanzo il bisogno del fidanzato per affermare le sue doti artistiche. Molto importante nella storia è la presentazione del paesaggio, freddo con tanta neve, il lago, tutto raccontato in maniera quasi poetica.
Si articola nella forma della doppia persona: in alcuni capitoli a raccontare al passato è Jasmine, in altri a raccontare è il fidanzato. 

Frozen in love

Silvia Civano

Editore: Panesi
Formato: EPUB
EAN: 9788899289935

Recensione a cura di Paola Alessandra Magliani

Dopo la morte improvvisa della madre, Jasmine deve lasciare l’Egitto per tornare in Canada, dove vive suo padre, che non vede da quando era bambina. Appena arriva a Wentimon trova una realtà difficile da affrontare: i nonni non vogliono vederla, le compagne di classe della Holland School la trattano male e si sente persa, esclusa, discriminata solo per il colore della sua pelle. Senza contare che ha un carattere difficile: è impulsiva e dice tutto quello che pensa. Solo una cosa sembra ridarle la voglia di sorridere: pattinare sul ghiaccio. Ed è proprio sulla pista di pattinaggio che conosce Kevin, un ragazzo dal fascino misterioso che non sembra essere di Wentimon. Dal primo istante in cui sfrecciano insieme sul ghiaccio, tra i due nasce qualcosa di importante. Ma chi è Kevin? Quando le rivela la sua identità, Jasmine deve fare una scelta che potrebbe cambiarle la vita per sempre.

Jasmine è un’adolescente, figlia di madre africana e padre americano. Ha perduto prematuramente la madre, con la quale ha vissuto l’infanzia in Africa. Arrivata in America, nella nuova scuola, conoscerà l’invidia e l’astio delle sue compagne di scuola, pronte a schernirla, ma anche l’affetto di una nuova amica, Clarisse.

Ha un rapporto speciale con il padre, uomo distrutto dalla morte della moglie che appoggerà la figlia in tutte le sue scelte.

Principale nel romanzo risulta l’incontro con Kevin, che diventerà subito il suo fidanzato e si rivelerà fondamentale in quanto è un insegnante di pattinaggio artistico e le propone l’iscrizione ad una scuola professionale che le darà numerose opportunità nel mondo del pattinaggio.

L’indecisione iniziale sul fatto di partire e lasciare il padre, lascerà il posto alla gioia della partenza e all’impegno nella nuova scuola. Qui si allenerà assieme al fidanzato e alla sua partner di pattinaggio, donna gelosa che non mancherà di dimostrarle avversità. 

Purtroppo la carriera artistica però io frappone tra Jasmine e Kevin che sono costretti a lasciarsi.

Dopo 15 anni i due si incontreranno e così Jasmine non dovrà rinunciare né all’amore per Kevin né a quello per il pattinaggio.

Mi piace molto il linguaggio adolescenziale, fresco e complesso insieme perché tratta tematiche importanti come il bullismo e la morte di una madre ma lo fa in un modo semplice come piace a me, è un romanzo per sognatori a lieto fine, che lascia spazio all’immaginazione in quel vedo e non vedo di sentimenti celati dal carattere della protagonista. La ragazza perfetta!

Dal titolo traspare una contrapposizione che poi si rivelerà nel carattere del personaggio: il calore dell’amore e la freddezza del ghiaccio, che rimanda ad una delle principesse delle bambine. Ma traspare anche in quella scelta insita che la protagonista deve fare: l’amore o la carriera artistica. È un libro per ragazzi ma non nel senso sminuente del termine. Anzi un adolescente si trova davanti alla crescita personale fatta di scelte difficili. Quindi è proprio l’adolescenza che scopre l’amore e tutti i suoi lati adulti.

Materiale fornito dalla Casa Editrice

Condividi:

Be the first to comment

Rispondi