Recensione: “Infrangerò le regole per te” Victory Storm

Cari amici lettori,
oggi sono davvero felice di proporvi un romanzo bellissimo che aspettavo con ansia di leggere. Si tratta di Infrangerò le regole per te di un’autrice talentuosa e bravissima già conosciuta precedentemente, ovvero Victory Storm.
Si tratta di una storia in grado di colpire direttamente al cuore, che sorprende ed ammalia in una maniera incredibile.
Mettetevi comodi e lasciatevi avvolgere dall’atmosfera magica ed emozionante che le sue pagine sprigionano e preparatevi a rimanere senza fiato.
A questo punto non posso far altro che augurarvi buona lettura!

Infrangerò le regole per te

Victory Storm

Recensione a cura di Rossana Bizzarro

Easton non poteva crederci. Davvero suo padre pensava di poter ospitare la figlia della sua nuova fidanzata senza che ci fossero delle conseguenze? E come se non bastasse, davvero la cara Alice credeva di poter entrare nella sua vita senza sottostare a lui e alle sue regole?

Quando Alice aveva accettato quella nuova vita accanto a sua madre e alla sua nuova famiglia pur di frequentare l’università, sapeva che non sarebbe stato facile, ma non così tanto. Era bastato un bacio per trasformare quell’esperienza già difficile in un vero e proprio inferno. Peccato che lei non abbia mai avuto paura di bruciarsi e, prima di potersi ambientare, è già pronta a dichiarare guerra e a distruggere colui che gode solo nell’umiliarla e nel sottometterla.

Se è vero che in amore e in guerra tutto è lecito, allora sarà una lotta senza esclusioni di colpi!

Lui era così: peccaminoso e peccatore, votato solo allo scandalo e alla rottura degli equilibri altrui.

Tanta voglia di innamorarsi, di vivere emozioni stupende e così forti da lasciare sbalorditi, desiderare di appartenere a qualcuno e di considerarsi “la metà dell’altro”, quella metà che mancava e che finalmente e inaspettatamente si è riusciti a trovare: tutto ciò è esattamente quello che si prova e che si anela dopo aver letto il meraviglioso e notevole romanzo di Victory Storm, Infrangerò le regole per te.

È un intreccio che coinvolge il lettore totalmente, rendendolo partecipe di ogni singolo evento e situazione.

Fin dalla prima pagina ci si ritrova in una realtà caratterizzata da incomprensioni, litigi, mancanze ma anche da sentimenti, da un’attrazione fortissima e pericolosa, da sensazioni nuove e mai provate precedentemente.

Come sempre, l’autrice mostra particolare interesse ed attenzione per i particolari, per i dettagli, descrive tutto alla perfezione: le piccole cose, gli atteggiamenti, i luoghi, i personaggi, le situazioni.

Ed è anche mediante questa sua peculiarità e a questo suo modo di rendere tutto vero ed autentico che il lettore percepisce e vive in prima persona tutto ciò che accade ai protagonisti.

Alice vive con suo padre da quando sua madre ha deciso di non volere più stare con lui. È grazie a lei e alla sua nuova famiglia che però la ragazza può permettersi di frequentare l’università, per cui, quando la donna la invita a trascorrere del tempo con lei Alice accetta, nonostante si senta in colpa a lasciare suo padre da solo.

Avevo sempre desiderato andare all’università, laurearmi in giornalismo, ma il prezzo da pagare era alto se pensavo a mio padre e al fatto di averlo lasciato per preferire colei che ci aveva abbandonati per andare a fare fotografie in giro per il mondo come fotoreporter per una rivista.

L’unica cosa che mi aveva convinto a salire sul pullman e farmi quel viaggio lungo più di sei ore era stata quella di rendere orgoglioso mio padre e sfruttare al massimo quell’opportunità davvero unica.

Non ha fatto i conti però con Easton, figlio del suo patrigno, un ragazzo bellissimo, con uno sguardo magnetico e penetrante ma con un carattere ribelle, prepotente e abituato ad infrangere qualsiasi regola.

Era bello da togliere il fiato e aveva quel fascino pericoloso e imperscrutabile che gli donava quell’alone di mistero seducente capace di far perdere la testa a qualsiasi ragazza.

Un potere che stava funzionando anche su di me, mi resi conto con disappunto.

I due non fanno altro che discutere e rendersi la vita difficile reciprocamente, e anche quando si ritrovano a frequentare la stessa università la situazione sembra non voler cambiare.

Era incredibile che ogni nostro scambio verbale dovesse sempre finire con minacce e insulti di ogni tipo.

In realtà, al di là dei dispetti, delle discussioni, delle promesse di vendette e dell’apparente odio che provano l’uno per l’altra, c’è molto altro, c’è qualcosa di profondo e vero che però fa paura, rende vulnerabili ma anche migliori.

Per la prima volta, provai davvero paura di fronte a lei. Paura che potesse vedere il vuoto che c’era dentro di me. Paura che potesse rendersi conto che in me non c’era nulla per cui combattere… o da amare.

Victory Storm costruisce e delinea personaggi capaci di colpire il lettore, che li ama o li odia a seconda dei loro comportamenti ma a cui, nonostante tutto, si affeziona tanto, li sente vicini, percepisce le loro stesse emozioni e sensazioni, instaura un forte legame con ognuno di loro.

Tutti gli aspetti sono analizzati profondamente ed accuratamente, in special modo quello psicologico e quello fisico.

Alice è una ragazza sensibile, dolce, brillante ma anche molto determinata e caparbia, ha un rapporto stupendo con suo padre, di cui si è presa cura dal momento in cui sua madre li ha lasciati. A volte, però, può sembrare altezzosa, spavalda: in realtà è fragile, insicura e ciò è dovuto alla mancanza dell’affetto materno. In effetti, spesso, o meglio, quasi sempre, la madre mostra indifferenza nei suoi confronti, è poco interessata e attenta a cosa succede a sua figlia, ai suoi bisogni, alle sue paure, ai suoi successi.

Alice si sente a disagio a casa del patrigno, non è abituata al lusso, al denaro e Easton, con i suoi scherzi e i suoi dispetti, di certo non l’aiuta.

<<Non sei tu il problema… non solo… Io… io non mi sento a mio agio qui. Odio questo posto. Odio tutto e tutti. Voglio solo tornare a Seattle, da mio padre e dal mio cane>>, mi confessò affranta, tornando in acqua e riagganciandosi il reggiseno.

<<Perché vuoi tornare a casa? Qui hai tutto e presto andrai all’università. Inoltre mio padre ti darà tutto ciò che vuoi. Cosa c’è a Seattle che qui non hai?>>, le domandai curioso.

<<Lì ho qualcuno che mi vuole bene e che mi capisce>>, mi rispose semplicemente lei, con le lacrime che le rigavano il viso.

Anche se all’inizio la giovane mostra insofferenza e fastidio nei confronti del ragazzo, piano piano si rende conto che la sua presenza è qualcosa di fondamentale, sente crescere per lui un sentimento forte, puro ed è, allo stesso tempo, felice e sorpresa ma anche terrorizzata dal fatto di non essere corrisposta.

Mi ripetevo che io volevo l’amore, volevo fiducia e rispetto reciproci e incondizionati, non un uragano che arrivava, spazzava ogni barriera con violenza e infine distruggeva tutto ciò che toccava.

Con Easton mi sentivo così: diversa e irriconoscibile dopo essere stata con lui.

Dietro la spavalderia, la prepotenza e la sicurezza di Easton si nasconde un animo ferito e deluso dalle persone che lui reputava importanti nella sua vita.

Non vuole cedere all’amore, ha paura di soffrire di nuovo ed è per questo che fa di tutto per detestare Alice, anche se inutilmente.

Non riesce a starle lontano nonostante tutti i suoi sforzi e i vari tentativi, percepisce la necessità di starle vicino perché solo così si sente completo ed in pace con se stesso.

Alice possedeva l’antica arte giapponese del kintsugi con cui i restauratori prendevano oggetti rotti di ceramica e li riparavano, riunendo i cocci con lacca e polvere d’oro. In quel modo le fratture non venivano nascoste ma valorizzate dall’oro che scorreva lungo tutte le crepe, donando così all’oggetto nuova vita e un nuovo valore, partendo proprio dalla sua rottura.

Alice faceva la stessa cosa con me.

Tanti sono i temi che l’autrice affronta in questo affascinante ed appassionante romanzo: l’amicizia, la fiducia, la possessività, la gelosia, il rapporto tra genitori e figli e quello tra fratelli, il senso di abbandono, il tradimento, l’amore, l’incapacità di lasciarsi il passato e il dolore alle spalle, la voglia di ricominciare a credere in un futuro roseo e migliore.

Lo stile della Storm è descrittivo, accurato, garbato e fluido; la sua scrittura è chiara, semplice, scorrevole e diretta.

Infrangerò le regole per te è una storia che conquista, incanta e che si vorrebbe leggere e rileggere all’infinito, scoprendosi ogni volta sempre più emozionati e senza parole a causa delle innumerevoli e indescrivibili emozioni provate durante la lettura.

<<Io ti prometto che non ti lascerò mai.>>

<<Ne sei sicuro? Non eri tu quello che si è sempre vantato di essere solo capace di infrangere le promesse e le regole?>>, gli ricordai titubante e preoccupata.

<<Sì, infatti per te ne infrangerò un’altra: quella di infrangere ogni promessa che facevo.>>

Materiale fornito dall’autore

Condividi:
error

Be the first to comment

Rispondi