Recensione: “L’ impromissa” di Chiara Ferraris

L’ impromissa

Chiara Ferraris

Editore: Sperling & Kupfer

Collana:Pandora

Anno edizione: 2019

In commercio dal: 2 aprile 2019

Pagine: 392 p., Rilegato

EAN: 9788820066802

Recensione a cura di Francesca La Piana

Link di acquisto:

https://amzn.to/2VozFjO

Agata varca la soglia dell’appartamento della madre scomparsa per resettare e fortuitamente trova vecchi quaderni dell’amata zia Alice.

Quelle pagine custodiscono il ritratto di una donna che Agata stenta a riconoscere, la storia di un grande amore proibito, di cui non ha mai saputo nulla.

Ricordi e segreti che uniscono le generazioni di donne della famiglia Lantieri.

Chiara Ferraris con “L’impromissa” crea un gioco di equilibrio tra passato e presente.

L’autrice amalgama due imponenti storie che si scontrano tra i muri di una grande famiglia.

Questo romanzo è un insieme di tematiche sviluppate in punti strategici del racconto, ma ahimè, mettono in confusione il lettore.

Il punto cardine del libro è la storia di un grande amore vissuto a ridosso del 1925, narrazione che viene interrotta per svelare i segreti della famiglia Lantieri.

È la protagonista Agata che fa conoscere al lettore questa storia d’amore proibita e tormentata.

La ragazza trova vecchi quaderni dell’amata zia Alice; legge vicende di cui non ha mai saputo nulla, scopre la vera storia della sua stirpe.

Gli avvenimenti scritti su quei diari sono pronti a rivelare la forza e il senso di appartenenza dei suoi consanguinei; il segreto che unisce le donne Lantieri emerge.

Agata tramite le parole di zia Alli rievoca un passato doloroso costellato da sacrifici e rinunce, scopre la forza di una donna che ha messo l’amor proprio al di sotto della sua famiglia.

In quelle pagine la ragazza trova soprattutto la forza di combattere per la sua storia d’amore.

La trama nonostante risulta ingarbugliata assume delle sfumature da favola.

La “leggenda” di un grande amore; un sentimento che resta immutato nel tempo nonostante le scelte obbligate che alle volte impone la vita.

Un amore proibito, tormentato, ma al contempo puro e innocente.

“L’impromissa” insegna che ci sono legami indissolubili, eventi che non possono essere cancellati nonostante lo scorrere del tempo. Sensazioni che profumano di ricordi. Amori che a dispetto di tutto resistono.

“L’amore segue una logica diversa, gioca con regole sue: talvolta vince, talvolta no, certe volte segue percorsi prestabiliti, altre volte, invece, inganna i giocatori. Prende altre strade, come un torrente dispettoso che, pur di arrivare alla foce, scava cunicoli tra le pietre ma, alla fine, arriva dove deve arrivare.”

Chiara Ferraris consegna al lettore una saga familiare; scrupolosa nella stesura e dettagliata nel descrivere le ambientazioni.

In queste pagine marcati sono gli accenni storici, si fa riferimento alla seconda guerra mondiale, con tutte le atrocità conseguite.

Un’opera dalle mille sfaccettature che offre stralci di una vita vissuta da donne coraggiose.

Chiara Ferraris

È biologa, insegnante, scrittrice e mamma. Vive in campagna con la sua famiglia. Ama leggere ed essere a contatto con la natura. L’impromissa (Sperling & Kupfer, 2019) è il suo romanzo d’esordio. Scritto in un lungo inverno, ha vinto la seconda edizione del Premio nazionale per opere inedite «Parole di Terra», sezione Narrativa, con il titolo Il giorno dei grilli verdi.

Materiale a nostra cura

[ATTENZIONE! Siamo affiliati ad Amazon, cliccando sui link e acquistando qualunque cosa verrà percepita una commissione per un massimo del 10% che Amazon pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che verranno utilizzati per comprare libri ed alimentare il blog

In cooperazione con Amazon.it
Condividi:
error

Be the first to comment

Rispondi