Recensione: “La consapevolezza del male” di Patrizia Orato

Colleghi, appassionati lettori come me, vi propongo “la consapevolezza del male”, un romanzo giallo sulle intricate vicende di una famiglia calabrese che hanno origine nell’Italia all’inizio del fascismo, che raggiungono fulcro nel secondo dopoguerra ed arrivano a sortire ancora effetti fino ai giorni nostri.

La consapevolezza del male

Patrizia Orato

Editore: Pav Edizioni
Collana: Mysterium
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 14 luglio 2019
Pagine: 212 p., Brossura
EAN: 9788899792923

Recensione a cura di Laura Pari

Loredana Spadafora è una docente di Agraria in una delle più prestigiose università di Roma. Una telefonata le cambierà la vita: sua nonna è morta. Partirà per il suo paese natio, Rossano, situata alle pendici della Sila Greca e bagnata dal Mare Ionio. Il legame di Loredana con donna Costanza, la “Matriarca”, non era mai stato dei più felici. Scoprirà che sua nonna è stata assassinata. Un viaggio non facile, poiché è una trovatella, adottata dalla famiglia Spadafora quando era una neonata e ciò aveva causato un malcontento in famiglia. I cugini, rimasti al Palazzo Spadafora, sono impigliati nella spirale di segreti derivati dall’avidità e dalla bramosia di potere del capostipite, nonno Pompeo, marito di donna Costanza e soprannominato dalla gente della Contrada, “il Diavolo”. Un viaggio di ritorno che la costringerà ad affrontare i fantasmi del suo passato e che porterà allo scoperchiamento del Vaso di Pandora: dovrà disseppellire inaudibili Verità. La Calabria fa da sfondo alla trama: una terra travagliata da secoli di dominazioni straniere e dal susseguirsi di Governi Italiani che hanno deliberatamente chiuso gli occhi di fronte alle questioni economiche e sociali del Meridione.

Siamo nel giugno 2005 e nel cuore di una calda notte estiva, Loredana Spadafora riceve una telefonata anonima che le comunica la morte della nonna, donna Costanza Spadafora, da lei soprannominata, in adolescenza, la Matriarca.

La telefonata cambierà radicalmente il percorso della vita di molte persone. La morte della nonna innescherà una serie di eventi, di cause ed effetti, che si ripercuoteranno sul fragile equilibrio costruito su certezze fino a oggi ritenute incontrovertibili.”

Loredana, la protagonista del racconto, è una docente di agraria all’Università di Roma, città dove vive da quando circa trent’anni prima, per via di un evento, si è dovuta separare dalla nonna e dagli altri parenti senza averne più notizie.
In seguito al tragico avvenimento, la ragazza torna in Calabria, precisamente a Rossano, un paesino in provincia di Cosenza situto tra le montagne della Sila e la Costa Ionica. Lo scopo del suo rientro è recarsi a palazzo Spadafora, l’antica dimora della famiglia d’origine, e capire quanto accaduto all’anziana signora

Gli Spadafora sono una delle famiglie più conosciute e rispettate della provincia di Cosenza. La loro ricchezza deriva dalla produzione di olio proveniente dall’uliveto bicentenario di proprietà.

La ragazza, una volta arrivata, apprende da subito che la matriarca di famiglia non è deceduta per cause naturali ma é stata assassinata, e, visto che da bambina scopre in malo modo di essere stata adottata e che per i parenti la sua presenza è sempre stata tutt’altro che gradita, in questa occasione, oltre a smascherare l’assassino, vuole risolvere l’enigma, che si porta dietro da tutta la vita, di conoscere finalmente le sue origini.

“Il mio presente è legato al passato attraverso quel filo invisibile che è il male. E il male striscia subdolo e infido. Qui o ora. Hic et nunc.”

Parallelamente viene raccontata un’altra storia. Nel 1947, sempre in Calabria, Rosina, primogenita di dieci figli, sta per partorire a soli 14 anni in una stanza angusta e lontana da casa.

Si capisce in questo modo che la storia degli Spadafora ha origini molto più lontane e, attraverso il continuo alternarsi degli anni tra il 1923 e il 2005, la due vicende si intrecciano fino quasi a confondersi, così, tramite i racconti, i fatti e gli aneddoti dei suoi avi e dei paesani, passando attraverso le bugie, i drammi, il dolore, gli inganni e il male, la protagonista arriva a scoprire l’assassino della nonna e a trovare se stessa.

La narrazione viene condotta in parte dal personaggio principale con dialoghi in prima persona e frequenti flashback dei ricordi di famiglia vissuti durante l’infanzia e l’adolescenza, ma anche dai vari personaggi che man mano si susseguono nel testo, questi raccontando la loro vita e le loro vicissitudini contribuiscono ad aggiungere pezzi al complicato puzzle di questa discendenza. 
Molti personaggi prendono vita tra le pagine ma non sono praticamente mai descritti né nelle caratteristiche fisiche né in quelle psicologiche, ciò che li identifica e distingue sono le idee, i pensieri, le azioni e i comportamenti.

Tantissimi i temi trattati, tra i principali: il regime fascista, il mondo contadino di quel tempo, la povertà, la lotta ai soprusi del latifondismo e la società maschilista, ma soprattutto, la condizione d’inferiorità della donna e l’invisibilità dei bambini.

Un piacevole tuffo nel passato con molteplici cenni storici che portano il lettore a vivere il racconto come un vero fatto di cronaca potendo assaporare la realtà di quei tempi ormai passati ma che rappresentano parti importanti della storia d’Italia e di tutti noi. 

Il linguaggio è diretto anche se con l’utilizzo di svariati termini desueti che sono però perfettamente adatto all’epoca a cui si riferiscono.
Un libro molto interessante che fa rivivere uno spaccato di storia realmente avvenuta, aggiungendo un po’ di adrenalina e suspense attraverso l’indagine sull’omicidio e il mistero delle radici della ragazza.

Il ritmo scorre velocemente senza picchi o cambi repentini nella prima parte del libro che risulta molto descrittiva, mentre nella seconda parte la cadenza aumenta con colpi di scena e rivelazioni.

Questo libro è un inno al coraggio e a tutte le persone che lottano per i propri diritti e per migliorare le proprie condizioni di vita. Nonostante la durezza dei temi trattati sarà molto facile per il lettore appassionarsi ai personaggi e alle loro vite riuscendo anche ad emozionarsi.

Materiale fornito dalla Casa Editrice

Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon? Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare questo libro clicca sul link qui sotto! Tu non spendi un soldo in più aiuti noi a crescere e migliorare!
Grazie

Condividi:
error

Be the first to comment

Rispondi