Recensione: “La vendetta nel vento” di Roberto Ciardiello

La vendetta nel vento

Roberto Ciardiello

Editore: Dark Zone

Anno edizione: 2018

In commercio dal: 30 ottobre 2018

Pagine: Brossura

EAN: 9788899845537

Recensione a cura di Chiara Mearelli

Link di acquisto:

https://amzn.to/2Z1pIYS

Fabiana ha quattordici anni e un vuoto di memoria. In una tranquilla mattina di maggio si ritrova in mezzo a un prato, circondata dalla solitudine. Un manto di nebbia le offusca la mente. Dovrebbe essere a scuola a conquistare gli ultimi ottimi voti prima delle vacanze estive, eppure è da tutt’altra parte, senza sapere come sia arrivata lì, cosa sia successo la notte appena passata. Si è incamminata verso casa dopo aver festeggiato il compleanno dell’amica Cristina; il resto è stato inghiottito da un buco nero. Quando i ricordi le piombano addosso, il peso di un’orrenda verità la schiaccia. Le torna in mente nonna Maria, le sue parole, perché tra l’erba ha visto un soffione curvarsi sotto il vento in arrivo dal mare, oltre lo strapiombo. «Esprimi un desiderio, piccola, e soffia forte forte…» Fabiana lo fa. Soffia e aspetta. Perché anche gli animi più docili possono covare rancore. E desiderio di vendetta.

Roberto Ciardiello ci propone un horror breve, ma incredibilmente intenso. Fabiana è una quattordicenne semplice, ingenua. Non beve, non rincasa mai oltre la mezzanotte. Sa quanti sacrifici facciano i suoi genitori per la loro famiglia, tanto che pensa di trovarsi un’occupazione per poter contribuire e ci fantastica su, nell’entusiasmo adolescenziale che investe ogni cosa. Ha imparato molte cose dalla nonna, ad impastare e cuocere una torta di mele, a non far scuocere la pasta. E ad esprimere sempre un desiderio affidandolo alla lanugine del tarassaco, nel gioco che fanno tutti i bambini.

La nostra protagonista è senza dubbio un eroe positivo, ci colpisce da subito, a libro appena iniziato, mentre si ritrova in un prato vicino al mare quando invece dovrebbe essere a scuola, con una veste bianca che non ricorda di aver comprato o mai indossato e senza sapere come sia finita lì. E’ un personaggio destinato a mantenersi fedele a se stesso durante tutto il racconto, anche quando trasformerà un gesto originariamente innocente in un terribile castigo. Prima di arrivare a questo, però, dovremo addentrarci in una storia che sconvolge, a volte fino al vero e proprio raccapriccio. Il ricordo si fa chiaro. E quella notte rimossa dovremo viverla anche noi, attimo dopo attimo.

Lo stile è incalzante, serrato e rapido, soprattutto da metà racconto in poi. Unito alla brevità del libro, serve ad accelerare il battito del  cuore fino al limite di sopportazione e a far accogliere il finale con un sospiro di sollievo, anche se lo scioglimento non può essere un lieto fine e la soddisfazione che vi si può trovare è aleatoria. Eppure è il giusto epilogo e non lo vorremmo diverso.

Come coerente con l’intento di questa opera è la scelta di un impianto descrittivo che potrebbe quasi scadere nello splatter, se non fosse dato tanto spazio alle emozioni. La buona riuscita di questo horror è legata soprattutto a questo: a farci percepire esattamente quello che sente la nostra protagonista, nella maniera più cruda, perché non viene schermato da nulla, non dall’età, non dalla negatività, non dalla colpa. Un personaggio pulito che viene sporcato, gratuitamente e ferito, senza motivo.

La narrazione è su più piani e più tempi, anche se il focus è sempre nel periodo compreso tra la festa di compleanno e il mattino.  Questo contribuisce a disorientare chi legge e rendere l’atmosfera quasi onirica. Di fatto la sensazione è di trovarsi in uno strano, sgradevole sogno: si arriverà a desiderare che sia proprio così.

Un libro che esprime tutte le qualità di un buon horror e non ne sconta nessuna, per questo è consigliato agli amanti del genere. L’impatto non lascia scampo, toglie il respiro e conduce attraverso il terrore che tutti in fondo proviamo: di trovarci inermi di fronte alla violenza e veder trasformata la nostra innocenza in una implacabile, mortale voglia di vendetta. 

[ATTENZIONE! Siamo affiliati ad Amazon, cliccando sui link e acquistando qualunque cosa verrà percepita una commissione per un massimo del 10% che Amazon pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che verranno utilizzati per comprare libri ed alimentare il blog

In cooperazione con Amazon.it
Condividi:
error

Be the first to comment

Rispondi