Review Party: ” Molto amore per nulla” di Anna Premoli

Carissimi lettori, è davvero con immenso piacere che vi parlo dell’ultimo libro di Anna Premoli! Come molti di voi sapranno adoro questa simpaticissima autrice che con le sue storie dolci e allo stesso tempo divertenti ha conquistato il mio cuore.

Molto amore per nulla

Anna Premoli

Editore: Newton Compton Editori
Collana: Anagramma
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 24 febbraio 2020
Pagine: 320 p., Rilegato
EAN: 9788822736833

Recensione a cura di Manuela Morana

Viola Brunello ne ha abbastanza degli uomini. Soprattutto di quelli che pensano di poter sfruttare la sua brillante intelligenza per i propri scopi. Avvocato d’affari e con uno studio avviato da poco, Viola non vuole perdere tempo a inseguire sogni romantici che in fondo al cuore ritiene del tutto irrealizzabili. Preferisce concentrarsi sulle sfide lavorative e sulla sua famosa “lista”, quella che ha compilato in una serata dall’elevato tasso alcolico. Sebbene l’idea sia nata per caso, ben presto Viola si lascia entusiasmare dall’idea di eliminare tutti i punti della sua “bucket list”: è così che decide di buttarsi in avventure che non pensava potessero proprio fare per lei… Una cosa è certa: le sfide filerebbero più lisce se Lorenzo Vailati, uno dei partner di una società che le ha da poco affidato un incarico, non avesse scoperto a sua volta il contenuto della lista e non ne fosse rimasto intrigato. Perché Viola ne ha abbastanza degli uomini. Di tutti, ma soprattutto di quelli come Lorenzo.

Vi ricordate della mia recensione del libro: “Questo amore sarà un disastro”?

Ecco, lì abbiamo imparato a conoscere Elena ed Edoardo due mondi paralleli che sembrava non si sarebbero mai incontrati e invece…

Tra i protagonisti di quel libro però conosciamo anche due personaggi molto intriganti: Viola, l’avvocato nonché cara amica di Elena, e Lorenzo, socio e migliore amico di Edoardo.

In quel primo romanzo Viola e Lorenzo si erano conosciuti e avevano instaurato un rapporto abbastanza bizzarro, infatti tra i due era scattata un’incredibile antipatia a pelle, nata per lo più dalla totale diffidenza dell’avvocato Brunello che si divertiva a controbattere e a maltrattare il bellissimo e apparentemente superficiale Lorenzo che non riusciva proprio il modo giusto per interagire con quest’avvocatessa puntigliosa e molto aggressiva.

È stato quindi davvero stupendo per me incontrare di nuovo questi due personaggi che da secondari diventano veri e propri protagonisti della nostra nuova storia.

Viola è una donna incredibile, è capacissima, intelligente, sagace, con un’autoironia e un sarcasmo davvero fuori dal comune. Sul lavoro non ha rivali, è l’avvocato che tutti vorremmo avere dalla nostra parte e mai contro, ma la sua vita privata invece è un vero disastro. Si veste con dei vestiti che non la valorizzano affatto e che anzi lei usa come scudo per nascondersi, così come fa con i suoi orrendi occhiali, che nascondono i suoi bellissimi occhi. È convinta di essere brutta e per niente attraente quindi tratta malissimo tutti gli uomini, soprattutto quelli belli e galanti, soprattutto quelli come Lorenzo.

Lorenzo è un capacissimo uomo d’affari, molto avvenente e abituato a frequentare donne bellissime che cadono l’una dopo l’altra ai suoi piedi senza mai riuscire a resistergli, peccato che alla lunga lui si sia stancato di rivivere con ogni donna lo stesso identico copione, saranno tutte donne bellissime ma spesso sono concentrate solo sull’aspetto fisico e non riescono a conquistare anche la mente e il cuore del nostro bel playboy.

Ancora una volta i protagonisti di questa storia non potrebbero essere più diversi ma ecco che il lavoro li riunisce e dopo una giornata passata insieme per valutare l’acquisizione di una vigna, tra un bicchiere di Amarone e l’altro, qualcosa cambia. Un bel po’ di vino viene bevuto da entrambi e la soluzione più saggia è quella di restare a dormire in Valpolicella per smaltire l’alcool di troppo. Ma una volta nella sua camera Viola compila, quasi per gioco, la prima lista delle cose da fare nella vita. Non è mai stata il tipo di persona da “bucket list” ma a volte la vita ti porta a metterti alla prova. Quando Lorenzo, sbirciando nell’agenda di Viola, la scopre inizia però qualcosa di sorprendente e magico.

La lista di Viola

• Liberarsi una volta per tutte dei fondi di bottiglia che gli altri chiamano occhiali

• Andare al cinema da sola senza vergogna

• Imparare a guidare una moto

• Saltare da un aereo con il paracadute

• Indossare un vestito corto e rosso (molto corto e molto rosso)

• Baciare uno sconosciuto incontrato in un bar

• Stare fuori tutta una notte e veder sorgere l’alba

• Ballare sui tavoli

• Visitare Petra

• Volare in mongolfiera

• Dire a qualcuno «Ti amo»

• Mandare messaggi sexy a un uomo

• Fare la differenza nella vita di qualcuno

Una lista davvero fuori dagli schemi e per certi versi all’apparenza irrealizzabile per una super femminista convinta e indipendente come la nostra ostinata avvocatessa. Tra un salto con il paracadute, un giro in moto, indossare un abito rosso e baciare uno sconosciuto lei comunque non ha dubbi sono molto più semplici da realizzare le prime due. Con gli uomini c’ha proprio messo una pietra sopra soprattutto perché è stata ferita dall’amore, ha chiuso il suo cuore dimenticandosi dove ha nascosto la chiave e ora si nasconde dietro le sue radicate idee di indipendenza.

«Non bisogna mai dimenticarsi di chi si è davvero a causa di un uomo, mai smettere di volersi bene tanto da passar sopra alla propria dignità. Se qualcuno ci tratta male per un motivo o per un altro, bisogna avere la forza di andarsene. L’amore incondizionato è una grande stupidaggine, se vuoi il mio punto di vista…». Sarà la stanchezza, sarà il venire meno della tensione degli ultimi giorni, ma ho proprio voglia di buttar fuori certi stati d’animo, con mia somma sorpresa.

«Non abbiamo abbastanza alcol in corpo per affrontare certi argomenti», mi sorride la mia amica. «Per certi temi servono più di due Gin tonic, temo…».

«Hai ragione. L’unica cosa che mi interessa, scherzi a parte, è sapere che Edoardo ti rispetta e apprezza sul serio. Per quello che sei e non per come vorrebbe che tu fossi».

Eppure nella sua lista ci sono alcuni punti che fanno sperare nel lieto fine, e piano piano tra un colpo di testa e una follia alcune spunte cominciano ad apparire. L’aiuto di Elena, Marta e Serena è fondamentale ma anche, e forse soprattutto, è Lorenzo a diventare un punto di riferimento importante e indispensabile. È proprio lui che infatti si dimostra inaspettatamente un uomo capace di andare oltre le apparenze, mettendo da parte quella superficialità che sembrava contraddistinguerlo.

Questo è un romanzo nel quale entrambi i personaggi maturano molto, pagina dopo pagina li vediamo diventare persone migliori, smussare i loro difetti e crescere imparando il valore della fiducia, dell’amicizia e dell’amore.

Anna Premoli non delude mai e ci regala una storia dolcissima e molto, ma molto, divertente. Vi ritroverete a ridere fino alle lacrime e ad emozionarvi con i nostri due spericolati protagonisti. Vi consiglio vivissimamente di non perdervi questa entusiasmante e romantica storia che parla della capacità di mettersi in gioco e cambiare e che ci dimostra che l’amore incondizionato, quando si trova la persona giusta, non è affatto una “grande stupidaggine”!

Anna Premoli è nata nel 1980 in Croazia, vive a Milano dove si è laureata alla Bocconi. Ha lavorato per un lungo periodo per una banca privata, prima di accettare una nuova sfida nel campo degli investimenti finanziari. “Ti prego lasciati odiare” è stato per mesi ai primi posti nella classifica e ha vinto il Premio Bancarella. Con la Newton Compton ha pubblicato anche “Come inciampare nel principe azzurro”, “Finché amore non ci separi”, “Tutti i difetti che amo di te”, “Un giorno perfetto per innamorarsi”, “L’amore non è mai una cosa semplice”, “L’importanza di chiamarti amore”, “È solo una storia d’amore”, “Un imprevisto chiamato amore”, “Non ho tempo per amarti”, “L’amore è sempre in ritardo” e “Questo amore sarà un disastro”. Sono tutti best-seller, tradotti in diversi Paesi. I diritti di “Molto amore per nulla” sono stati opzionati da una grande casa di produzione cinematografica.

Materiale fornito dalla Casa Editrice

Condividi:

Be the first to comment

Rispondi