Segnalazione libro: “Come il colore delle rose”


Come il colore delle rose

Lucrezia Daveri,Riccardo De Benedetti

Editore: Emersioni
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 21 dicembre 2018
Pagine: 142 p., Brossura
EAN: 9788831924252

Il romanzo si sviluppa a due voci; la voce di lei e la voce di lui. Ognuno di loro comunica il  proprio sentire.

Angelica e Giorgio sono ancora  due  ragazzi quando si innamorano, lei ha quindici anni, lui  è  poco più grande di lei. Ciò che li  lega è la voglia di scoprire insieme i misteri della vita e dell’amore. Tra loro in seguito nascerà una forte passione.  Come dice la  stessa protagonista: “Volevo tenacemente assaporare le sensazioni che si provano quando si è innamorati”  Sono due mondi paralleli.  Anche le rispettive  famiglie sono disaccordo, di conseguenza le litigate fra i due ragazzi sono frequenti. Ma si amano e la voglia di appartenersi è più forte di ogni incomprensione. Dopo l’ennesima lite  e  dopo lunghi anni di fidanzamento, decidono di lasciarsi e di non portare a termine il loro progetto di vita in comune. Ma il destino ha deciso diversamente. Casualmente si  ritrovano  e si uniscono in matrimonio. Inizia così una vita di sofferenza e di abbandono  per Angelica presa in una morsa di solitudine e doveri nei confronti di Giorgio, marito esigente e per nulla comprensivo, che si lascia trascinare da genitori invadenti e poco benevoli verso la giovane nuora.  Dopo anni di sofferenze e frustrazioni, mentre cresce con amore i suoi tre figli, Angelica, dopo una lunga e sofferta psicoterapia psicodrammatica,  troverà la forza e la determinazione di abbandonare il marito.

NOTA BIOGRAFICA SULL’ AUTRICE

Lucrezia Daveri (pseudonimo)

nasce a Milano il 17 novembre 1942, da madre vicentina e padre milanese.  

 Monza è la città che l’ha vista crescere. Sin da piccola i libri sono stati la sua passione e già da allora si rifugiava in un cantuccio, lontano da occhi indiscreti, che potevano rimproverarla perché perdeva tempo e li rimaneva nascosta fino a che qualcuno in famiglia si accorgeva della sua scomparsa.

In terza elementare la maestra detta agli alunni il titolo di un tema in classe. Quello di Lucrezia viene ritenuto meritevole e spedito a Roma ad un concorso nazionale. Risulterà tra i migliori fatti in classe dagli studenti italiani di quell’anno.

 La miglior culla dei suoi pensieri è la notte, ed è sempre di notte che ritrova la sua musa ispiratrice.

Per Lucrezia la vita non è stata benevola. Sono passati molti anni tra le incombenze quotidiane, mirate solo alla sopravvivenza e lo scrivere diventava un lusso da non potersi permettere. Ma con l’aiuto economico elargito dalla madre che aveva compreso il suo tormento, inizia a frequentare uno studio di psicodramma e questo lavoro su se stessa, la rende più forte difronte alle avversità e riesce a ritrovare sé stessa.  Ed ecco finalmente che il quotidiano si fa più dolce e la vita viene ripresa a piene mani.

Nell’arco degli anni i suoi appunti li scriveva su qualunque cosa le capitasse sotto mano: biglietti del tram, sacchetti del pane, bloc notes, carta igienica, agenda, a volte anche le sue stesse mani. Qualunque superficie andava bene purché ci si potesse immortalare i suoi pensieri e mettere poi nel cassetto dei ricordi per poi diventare libri.

Il suo primo lavoro dal titolo “Il Puzzle ricomposto” verrà pubblicato nel 2001 dalla casa editrice Montedit.  Seguiranno “Il cassetto dei ricordi sbagliati” Edizioni Libromania De Agostini

Poi “Il colore delle rose” Edito da Il seme bianco.  Dopo due anni cambierà titolo ed editore, diventando così “Come il colore delle rose”

Afferma di non avere uno scrittore preferito e neppure un genere preferito, è del parere che tutti gli scrittori, da quelli famosi ai meno noti, possono scrivere libri buoni o libri riusciti meno bene e questo, ogni scrittore lo sa.

Partecipa attivamente a gruppi di lettura e scrittura nell’ambito territoriale in cui vive. Il suo passatempo preferito è il gioco degli scacchi, anche se afferma di essere certa che non diventerà mai una campionessa per il semplice motivo di avere poca capacità di concentrazione.  

 PERCORSO LETTERARIO

In concomitanza della fine del suo percorso di psicodramma, nasce il libro d’esordio dal titolo:  

“IL puzzle ricomposto” Pubblicato nel 2001 dalla casa editrice Montedit, nel quale si racconta la crescita interiore di una donna. Un libro scritto di pancia, intrinseco di sentimenti, di passione e spunti di riflessione per donne e uomini. Il libro è un urlo che arriva dal profondo del suo essere e unito a una scorrevole lettura e tiene inchiodato il lettore dalla prima all’ultima pagina. Consigliato alle donne ma, anche agli uomini disposti a conoscere fino in fondo l’animo femminile.

Questo primo libro viene presentato a Cortina D’Ampezzo nell’estate del 2001 nel salone del Splendid Hotel Venezia nell’ambito della manifestazione culturale Terzo Millennio.

Nel maggio 2002 viene presentato presso il Centro Culturale Rosmini Trento con la presentazione del poeta e giornalista Italo Bonassi e la giornalista Giuliana Raffaelli.

Sempre nel 2002 viene presentato al C.C.R. Centro Culturale Ricerca Sala della Luna Monza

 “Il Puzzle Ricomposto” riceve alcuni riconoscimenti e gratificazioni tra cui:

-SEGNALAZIONE   4 Maggio 2003

 Centro Culturale RONCHI APUANA –

Premio Nazionale di Poesia e Narrativa: “Il Litorale”

 -DIPLOMA Di MERITO – Gran Premio Della Giuria sezione narrativa – 29 giugno 2003

    Associazione Culturale NUOVA LA SPEZIA

 Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “CITTA’ DELLA SPEZIA” 

-GRAN PREMIO DELLA GIURIA   Coppa Artistica 29 Giugno

Associazione Culturale   NUOVA SPEZIA

Premio Internazionale Di Poesia e Narrativa  

  “CITTA’ DELLA SPEZIA” 2003

-Nel 2014 l’autrice esce con il suo secondo libro dal titolo “Il Cassetto Dei Ricordi Sbagliati”

Pubblicato prima in ebook da Libro mania De Agostini e poi in cartaceo sempre da Libromania De Agostini. Questo nuovo lavoro racconta di tradizioni e valori degli anni 30, anni in cui si viveva rispettando le regole imposte dalla società e il parere del padre era un ordine da non discutere che veniva rispettato anche a costo di rinunce vitali. Una famiglia numerosa come tante, racconti di vita e un amore contrastato dalla famiglia a cui bisogna obbedire a tutti i costi.  

-Nel 2015 inizia la stesura di un nuovo libro e contemporaneamente scrive due racconti dal titolo: “Il Canyon” e “La Lamborghini Gialla” che andrà a far parte di un florilegio di racconti.

-Nel novembre 2017 pubblica con la casa editrice “Il Seme bianco” Il suo terzo romanzo dal titolo “Il colore delle rose” Un lavoro scritto a quattro mani con il poeta e drammaturgo Riccardo De Benedetti. Nel libro, due voci raccontano la storia di due ragazzi che si innamorano e nonostante il parere contrario delle rispettive famiglie, si sposano. Da quel giorno inizierà il lungo travaglio della protagonista Angelica.

-Nel novembre 2018, un giorno prima del suo compleanno, verrà pubblicato “Il Colore delle rose”

Un anno dopo uscirà una seconda edizione con: “Edizioni Emersioni”  cambierà titolo e copertina e diventerà: “Come il colore delle rose”

Ora è in attesa che venga pubblicato il quarto romanzo dal titolo “Non Volevo”

Un libro che racconta di un ragazzo per bene che ad un certo punto compirà una azione che le costerà anni di prigione e sofferenze.

Per chi volesse scrivere ecco l’email

mail: daverilucrezia@gmail.com

Condividi:
error

Be the first to comment

Rispondi