Recensione: “L’ uomo perfetto è un bastardo”

Buongiorno amici lettori, oggi vi presentiamo il libro “L’uomo perfetto è un bastardo”, la cui prolifica autrice si cela sotto vari pseudonimi a seconda il genere letterario che tratta.
In questo specifico caso parliamo di romance erotici per i quali è conosciuta come Jessica Clare.
Preparatevi ad essere travolti da una forte ed indomabile passione!
Buona lettura!

 “Solo i battiti uniti del sesso
e del cuore insieme possono
creare l’estasi.”
(Anaïs Nin)

L’ uomo perfetto è un bastardo

Jessica Clare

Editore: Newton Compton
EAN: 9788822735317

Recensione a cura di Pamela Mazzoni

Knox Price è sempre stato convinto di non reggere il confronto con i suoi fratelli. Boome è quello ambizioso. Clay quello gentile. Gage il più bello. E Knox? Knox è quello cinico. La pecora nera della stramilionaria famiglia Price. Non si può dire che non gli piacciano le persone. Ma nella vita è sempre rimasto deluso. E così, quando è diventato ricchissimo all’improvviso, ha deciso di non fidarsi più di nessuno. Perché, dopotutto, l’unica cosa che le persone trovano attraente sono i soldi. Ma l’incontro con Lexi Brandon, un’insegnante di yoga con la bizzarra tendenza a dire cose strane, è destinato a cambiare tutto. Lexi non è decisamente il suo tipo, eppure riesce a guardare oltre le apparenze e per la prima volta Knox sente che qualcuno riesce a vederlo per quello che è davvero…

“L’uomo perfetto è un bastardo” è il terzo capitolo della serie romance “Roughneck Billionaires”, che in italiano suona più o meno come “Rozzi Miliardari”.

Tre libri autoconclusivi con i quali Jessica Clare ci introduce nello sfavillante mondo dei multimilionari fratelli Price che, grazie al ritrovamento fortuito di un immenso giacimento di petrolio in uno dei loro terreni, diventano immensamente ricchi in un battito di ciglia.

Cinque fratelli, un unico padre, cinque madri diverse, cinque personalità difformi l’una dall’altra: l’ambizioso Boome, il garbato Clay, i seduttori Gage e Seth, impegnati in una perenne sfida a suon di conquiste.

E poi c’è Knox, il fratello di mezzo, quello diverso da tutti.

Continua a vivere in una roulotte, è single, affascinante, premuroso ma sarcastico quanto basta a renderlo adorabile, disilluso dalle persone, specialmente dalle donne.

“Io resto seduto, appoggiato alla panca, e osservo la scena. È quello che faccio di solito. Essendo il terzo fratello, non sono accoppiato con nessuno. Sono solo. Le coppie sono sempre state Boome e Clay, e poi Gage e Seth. Io non sono il più carino. Né il più intelligente. Né il più piccolo o il più grande. Non sono il più ambizioso, né il più amicone. E così la maggior parte delle volte resto seduto e osservo gli altri, facendo loro qualche scherzetto quando sono distratti.”

Knox non ostenta la ricchezza, anzi cerca di passare inosservato con i suoi pantaloni sbrindellati, le magliette logore, i capelli scompigliati e la barba incolta.

Non cerca rapporti occasionali, non vuole una di quelle donne trofeo bellissime ma vuote, che puntano solo ai soldi e che ronzano loro attorno come mosche impazzite e che tanto piacciono ai suoi fratelli più piccoli.

No, lui vuole di più, vuole una donna che lo colpisca nel cuore, nel corpo, nell’anima.

Durante una riunione di famiglia a casa Price, viene così attratto dalla stravagante ed enigmatica Lexi.

 Informi abiti neri, commenti sarcastici, battute al vetriolo la contraddistinguono da tutte le altre, e la proteggono dai contatti umani, isolandola e rendendola quasi invisibile agli occhi dei più.

Ma non a quelli di Knox, attento ed acuto osservatore dell’animo umano, che nella piccola e poco socievole insegnante di yoga riconosce fin da subito la sua anima gemella, il suo spirito affine.

“Perché non provo solo attrazione fisica per Lexi (…). Amo la sua personalità. Il suo essere dispettosa, pungente, misteriosa, originale. Il modo in cui cerca sempre di mettere a disagio le persone che la circondano. In un certo senso è come me. Rubo oggetti e manometto cose perché voglio vedere se la gente se ne accorge. Con la sua voce inespressiva e il suo atteggiamento dark, Lexi vuole essere sicura che gli altri le prestino attenzione. È perfetta per me, e non accetto un “no” come risposta.”

Un incontro che risveglierà i sensi, volutamente attutiti, di entrambi, trascinandoli in un’infuocata notte di passione ad alto tasso erotico.

Due corpi che aderiscono perfettamente uno all’altro, due anime sperdute che si sono ritrovate.

Con l’arrivo della luce del giorno, però, Lexi indossa di nuovo la sua confortante corazza e si allontana da Knox e da ciò che teme di più: le pene d’amore.

Con alcuni trascorsi affettivi piuttosto deludenti ed un vicino di casa ossessionato da lei tanto che la perseguita, Lexi ha l’assoluta convinzione di aver già dato abbastanza ai rappresentanti dell’altro sesso e, per evitare ulteriori, e quasi certe sofferenze, preferisce rinunciare all’amore e in una sorta di auto-imposta abnegazione sceglie di trascorrere la vita in una specie di bolla protettiva.

“Mi piace essere indipendente e forte. Mi piace stare da sola. Mi piace essere Fort Lexi, impenetrabile (ahah) e detestabile. Preferisco essere la damigella d’onore acida e strampalata, piuttosto che la dolce sposina. Non esco con nessuno. In effetti, cerco in tutti i modi di scoraggiare qualunque ragazzo intenzionato a provarci con me, anche se qualche temerario lo trovo sempre. E a quel punto la mia vita diventa un inferno.”

Ma Knox è un Price, e nessuno di loro si arrende senza lottare fino alla fine per ottenere ciò che desidera.

E lui desidera Lexi con tutto sé stesso.

Ma gli eventi, anche tragici, che si susseguono sembrano remare contro di loro ed anche il destino gioca tiri mancini, facendoli riavvicinare per poi allontanarli, in una coinvolgente altalena di emozioni.

Knox e Lexi.  Lexi e Knox.

Per la proprietà commutativa di matrice matematica, cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia, come non cambia il fatto che, comunque sia, tra loro l’amore è forte, totale.

Ma sarà abbastanza per risolvere tutti i problemi?

Riuscirà Lexi a fidarsi così tanto di Knox da aprirgli il suo cuore e donarglisi senza remore?

Con personaggi ben caratterizzati e descritti in un modo tale che sembra di conoscerli da sempre, e con l’uso di una narrazione fluida, spesso divertente e coinvolgente, Jessica Clare ci fa vivere una bollente storia d’amore, hot al punto giusto, con scene di sesso esplicite e piccanti, ma non volgari o fini a sé stesse.

Un romantico sogno ad occhi aperti che ci regala un intenso momento di evasione.

Jessica Clare Cover

Jessica Clare

Jessica Clare scrive sotto tre differenti pseudonimi. Come Jill Myles scrive un po’ di tutto: da sexy commedie urban fantasy a favole zombie. Come Jessica Clare, romanzi erotici. Come Jessica Sims, divertenti e sexy storie paranormali. Vive in Texas con il marito e diversi animali. Con Newton Compton ha pubblicato Scommessa indecente, Troppo bello per dire di no e È l’uomo per me, i tre volumi della serie dedicata ai membri del Billionaire Boys Club.

Materiale fornito dalla Casa Editrice

Condividi:
error

Be the first to comment

Rispondi