Recensione: “Signor Sveglia, signor Sonno” di Carmela Cipriani

Carissimi lettori, oggi vi parlerò di un libro molto importante e particolare perché oltre a essere una bellissima storia per bambini è illustrato proprio dai piccoli pazienti del reparto di oncologia pediatrica del Policlinico Universitario di Catania. Inoltre ci tengo a dirvi che parte del ricavato della vendita del libro viene devoluto a sostegno del laboratorio creativo LAD Cure & Care, quindi, acquistandolo, aiutate questi piccolini a vivere momenti di felicità che li distraggono dalle loro sofferenze.

Signor Sveglia, signor Sonno.

Carmela Cipriani

Editore: Skira
Collana: Skira Kids
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 28 novembre 2019
Pagine: 48 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788857241678
Età di lettura: Da 3 anni

Su un’isola felice chiamata Melamelandia vivono due tipi davvero particolari, Signor Sveglia e Signor Sonno. Due personaggi che scandiscono il tempo. Dividono il sole dalla luna. Lo stress dal sogno. La luce dal buio. Il lavoro dal piacere dell’abbandono. E percorrono la vita con entusiasmo. Dalla nascita al tramonto. La favola di Carmela Cipriani viene qui riproposta nell’ambito del progetto LAD Cure & Care, il laboratorio creativo realizzato all’interno del reparto di oncologia pediatrica del Policlinico Universitario di Catania. Attraverso quasi cinquanta illustrazioni a colori, i piccoli artisti hanno donato nuova vita al racconto arricchendolo con la spontaneità che solo il mondo dell’infanzia può regalarci. Grazie a Signor Sveglia, Signor Sonno ciascun giovane paziente ha potuto dare libero sfogo alla propria fantasia, contattando il bello che è custodito in ogni bambino e lasciandolo emergere sotto forma di immagini.

In un paese chiamato Melamelandia vivono tante persone: alcune felici, altre un po’ meno…

Tra gli abitanti due in particolare sono i protagonisti della nostra storia: il Signor Sveglia e il Signor Sonno.

Signor Sveglia di mestiere faceva lo spacca ore.

Portava al polso un orologio infernale

che aveva le lancette delle ore, dei minuti, dei

secondi e dei millesimi di secondo.

Questo Signore è davvero ossessionato dallo scorrere del tempo e dalla puntualità a differenza dell’altro protagonista, il Signor Sonno, che vive di sogni e di relax.

Signor Sonno invece era uno sregolato,

un nottambulo, un sognatore.

[…]

Signor Sonno era calmo

e riposato.

Di notte gli brillavano

gli occhi e la luna illuminava

le sue guance rotonde.

Questi due buffi signori non potrebbero essere più diversi, il primo sempre di corsa, super stressato, mal visto dagli abitanti del paese perché continua a svegliare tutti e a ricordargli di rispettare gli appuntamenti presi e lo scorrere del tempo.

Il secondo, invece, sempre sorridente, tranquillo, rilassato e soprattutto amato da tutti, grandi e piccini, perché quando si dorme si possono fare sogni meravigliosi e si può essere felici dimenticandosi di tutti i problemi e le sofferenze.

Mentre a casa del Signor Sveglia ci sono orologi di tutti i tipi e non esistono letti, a casa del Signor Sonno ci sono letti di ogni genere, assolutamente meravigliosi e comodissimi, e nemmeno un orologio che con il suo ticchettio possa disturbare i sogni beati di chi riposa.

Molto divertenti anche i contrasti tra Miss Perfettini, moglie del Signor Sveglia e Pisolina, amica del Signor Sonno.

I due strambi signori non si incontrano quasi mai, ma quando questo accade spesso litigano tra loro, secondo voi, chi vincerà? Io non ho dubbi su quale dei due sia il mio preferito e voi? Comunque per scoprire chi dei due ha sempre la meglio non vi resta che leggere questo dolcissimo racconto, scritto e illustrato con moltissimo amore da persone con un cuore davvero grande.

Ormai mi conoscete da diverso tempo e, come sapete, non vi ho mai chiesto di acquistare un libro. Mi sono sempre limitata a raccontarvi le emozioni che ogni lettura ha suscitato in me, ma questa volta, perdonatemi, se faccio un’eccezione.

Non posso fare a meno di consigliarvi di acquistare e leggere quest’opera perché a volte sono proprio i piccoli gesti a fare la differenza e a regalare tanta gioia ed emozioni a chi ne ha più bisogno.

Grazie di cuore a tutti e buona fortuna ai piccoli amici ricoverati in tutti i reparti oncologici di tutto il mondo, siete i nostri eroi! Non arrendetevi mai e grazie per tutto quello che voi, così piccoli, riuscite ogni giorno a insegnare a tutti noi.

Un ringraziamento speciale all’autrice Carmela Cipriani e a tutti coloro che hanno portato creatività e colore in ambiente ospedaliero, permettendo ai bimbi ricoverati in oncologia pediatrica di dare forma alle immagini evocate dalla favola di Carmela: Cinzia Favara Scacco, Karolina Maslak, Carlo Lo Giudice e Salvo Cultrera.

Materiale fornito dalla Casa Editrice

Condividi:

Be the first to comment

Rispondi